I’m here

6c3aefc3d027f991ffe6b33712439223

Non scrivo da tanto, lo so. Non l’ho fatto perché mi piace donare qualcosa e in tutto questo tempo ho pensato che quello che scrivevo non potesse servire a nessuno. Sono mesi intensi, nel frattempo ho preso una laurea e un cane, strano come solo il secondo abbia stravolto la mia vita. Sono successe tante cose, ma sono sempre lo stesso. Sogno troppo, troppo in grande. Ho capito tante cose. Ho capito che votare è importante, ma la democrazia è pericolosa. Ho capito che puoi dare tutto quello che vuoi, ma non devi aspettarti nulla. Ho capito che una corona di allora sulla testa non cambia la tua vita, ma devi combattere ogni giorno per arrivare dove vuoi e lo devi fare da solo. Ho capito che è più facile custodire che sbandierare ai quattro venti quello che pensi, tanto passerai sempre per la vittima di turno. Ho capito che amare non basta, devi fare i conti con tutto il resto, anche se ami tanto. La verità è che io non lo so cosa voglio. Non intendo dalla vita, quello no, ho dei progetti così grandi da far impallidire Kim Jong-un. Io intendo da me stesso. Ci sono giorni in cui nella mia stanza sto bene, non mi interessa cosa succede fuori, io sono al sicuro, ho il mio spazio vitale. Ci sono giorni in cui qualsiasi cosa mi tocca l’anima e detesto persino tutte quelle cose che amo più di me stesso. Io non lo so cosa sono. Sono un ibrido, mezzo stronzo e mezzo scemo. Perché stronzo? Perché convinco me stesso di dire sempre quello che penso, ma la maggior parte delle volte resto in silenzio, perché a me piace lo status quo, non mi piacciono i cambiamenti, mi spaventano, ma allo stesso tempo li amo, quando sono a mio favore però. Perché scemo? Proprio questa mia convinzione non mi permette di essere me stesso e allora implodo dentro, mentre vorrei urlare che siete tutti delle teste di cazzo. Perché quello sbagliato non posso essere sempre io. E quelle rare volte che dico quello che penso sono etichettato come sognatore e credulone. Come se sognare fosse una colpa poi. Vabbè, poi magari vi racconto anche cose belle, come quando mi sono sentito felice e innamorato, mentre in realtà ero sono felice.

Annunci

TU PORTAMI VIA

044ce49ed6a111c8a3574a85fd3ffec1

Vorrei dirti di guardare il sole, che fa stare bene. Quando non c’è il sole chiamami, che ci penso io. Vorrei dirti di avere sempre curiosità, di cercare, di non restare con il dubbio. Vorrei dirti che non è mai troppo tardi, che non bisogna sprecare mai nemmeno un giorno, devi sorridere, anche quando non ne hai voglia. Le mattine, quando non hai voglia di alzarti, non perché vuoi dormire ancora, pensa che qualcosa potrebbe succedere. Non so esattamente cosa, ma sono sicuro che ogni giorno merita di essere vissuto, anche il più buio. Read More

UN LUTTO DI CUI NESSUNO PARLA

ef9413d7cf38ff9d76154378500364e1

Mentre passeggiavo in una vetrina ho visto un cappotto che per te sarebbe stato perfetto, l’ho fotografato e ho pensato anche di mandartelo su Whatsapp. Poi si è accesa la lampadina, tu non ci sei più. Non perché sia passato a miglior vita, ma perché non ci sei più nella mia. Ma sono comunque sicuro che ti sarebbe piaciuto. Read More

NEVER HAD A FRIEND LIKE ME

bad8bc2d5e4fa63f9c72cc7bf0d22b59.jpg

Penso che essere all’altezza del mio concetto di amicizia è un’impresa ardua, perché mi aspetto troppo dai comuni mortali. Penso, allo stesso tempo, di essere un buon compagno di avventura.. Sì, pecco di presunzione. Ci metto il cuore, in qualsiasi cosa io faccia e se voglio bene ad una persona la metto in un piedistallo così alto da dove, chi scivola, si rompe in mille pezzi.

Sono capace di donare il cuore, anche se non sono ricambiato, perché io sono puro, non ho maschere, cerco di essere sempre me stesso, ma nonostante ciò, le persone da me scappano. Può durare un mese, due mesi, un anno.. ma poi scappano. Non riesco a spiegare questa cosa, per questo penso che forse il mio concetto di amicizia è tanto, troppo alto. Ritornano eh, perché hanno bisogno, eccome se ritornano, indossano la maschera e ti chiedono quella traduzione di inglese che serve per la verifica, oppure perché la loro dolce metà è scappata, o perché la vita mette a dura prova e io sono un porto sicuro, sempre.

Io non manco mai quando si è in mezzo alla folla, io manco quando realizzate che volete dirmi qualcosa e non mi trovate al vostro fianco. Mi sono stancato di essere il porto sicuro di tutte queste barchette che quando iniziano ad affondare vengono ad attraccare. Sono stanco di essere sempre l’alternativa e mai la prima scelta. Non lo merito, non io. Quindi, io lo voglio gridare che “Never had a friend like me”, ma non sono nemmeno io a dirlo, sono i fatti che parlano, urlano.

EUTANASIA E TESTAMENTO BIOLOGICO

SfondoBianco.png

Usare il termine testamento biologico è errato, in quando la definizione più appropriata sarebbe “Dichiarazione Anticipata di Trattamento”, cioè la volontà da parte di un soggetto di decidere, in condizione di lucidità mentale, in merito alle terapie che intende o non intende accettare nell’eventualità in cui dovesse trovarsi nella condizione di incapacità di esprimere il proprio diritto di acconsentire o non acconsentire alle cure proposte per malattie che costringano a trattamenti permanenti con macchine o sistemi artificiali che impediscano una normale vita di relazione. Read More

PROSPETTIVE

30b1e5524250670b5c1ae7a4844ac820

Con il passare del tempo ho imparato ad abbassare il mio livello di aspettativa, vuoi perché era troppo alto, vuoi perché la gente fa schifo. Ho imparato una lezione di cui faccio tesoro, non mi aspetto assolutamente nulla e in cambio cerco di dare tutto quello che ho a mia disposizione. Lo faccio senza volere nulla, faccio quello che mi sento, non aspetto più che dall’altra parte ci debba essere per forza qualcosa. Read More

ZONA GRIGIA

porcelain-unicolore-grigio-cenere-swatch

Spesso capita con le persone che io mi ritrovi in una zona grigia, nel senso che non è né bianca, né nera, bensì grigia. Sono quei periodi in cui non sai esattamente cosa succede, in cui capisci che qualcosa sta cambiando o è semplicemente la tua testa che continua a girare dei film da premio Oscar, senza un apparente motivo. Read More