San Valentino? Ma anche no.

1024px-Rainbow_flag_and_blue_skies

Oggi vorrei parlare di amore. Lo so a cosa state pensando, questo parla di amore il giorno di San Valentino, avanguardia pura. Ma San Valentino cosa, che in Italia non tutti possono amarsi come vogliono.

Siamo nel 2016 e in Italia se passeggi mano nella mano con il tuo compagno vieni etichettato come “frocio/lesbica”. Ma diciamo che questo è un qualcosa di “superabile”, nel senso, anche Mancini viene chiamato frocio, si incazza, ma poi passa.

Comunque, tralasciando il lessico, la cosa che più mi fa infuriare e per cui spero ci sia un girone all’inferno, sono coloro che dicono “Ma ci sono cose più importanti in Italia”. Bene, si tratta il tema degli immigrati e ci sono cose più importanti. Si organizza e costruisce l’Expo e ci sono cose più importanti. Il Papa istituisce il Giubileo e ci sono cose più importanti. Allora, parliamoci chiaro, per l’italiano medio qualsiasi cosa venga trattata non va bene, deve sempre dire la sua, anche quando una cosa è buona e giusta. Perché in questo caso signori si tratta di allargare i diritti, evolversi.

Beh io penso che è ora di svegliarsi, l’Italia deve fare un passo avanti, non sempre indietro. Basta viaggiare per rendersi conto di come il nostro bel paese sia fermo, a guadare e a farsi ridicolizzare.

Parlo di gay, ma potrei fare un elenco infinito. Il tema sulle unioni civili è un qualcosa che interessa veramente tutti, dal Cardinale Bagnasco, divenuto per l’occasione esperto di politica, al tanto caro a Gasparri, che di politica dovrebbe capirne qualcosa, ma ho i miei dubbi (vi consiglio di fare un giro sul suo profilo twitter, sane risate assicurate).

Voglio spiegare in due parole cosa tratta il tanto discusso Decreto Cirinnà. Perché dimenticavo, l’italiano medio parla tanto, ma sempre per sentito dire.

1-Verrà istituito un nuovo istituto giuridico denominato “Unione Civile” che permetterà a persone dello stesso sesso di sposarsi di fronte ad un ufficiale di stato;

2-Stepchild Adoption, no, non è una parolaccia. E’ l’adozione del figlio del coniuge basata sul consenso del genitore biologico, in Italia esiste dal 1983, ma in questo caso verrà allargata anche alle coppie omosessuali;

3-Il punto secondo me più caldo è quello che fa riferimento alla reciproca assistenza. Cosa vuol dire? La situazione giuridica dei conviventi di fatto omossessuali si avvicina a quella delle coppie sposate, in particolare alla coppia di fatto vengono riconosciuti diritti di assistenza sanitaria, carceraria, unione o separazione dei beni e reversibilità della pensione. Esempio: Mario e Fernando sono insieme da 20 anni. Se per una qualsivoglia ragione Mario dovesse avere un malore, Fernando non potrà assisterlo. Detto proprio in parole spicciole e comprensibile anche dalla persona più ignorante e bigotta di questo mondo. Con il Decreto Cirinnà, Mario e Fernando potranno assistersi a vicenda, ad esempio.

Io dico che dobbiamo metterci una mano sulla coscienza, perché sia Mario che Fernando potrebbe essere tuo figlio.

Ah, l’omofobia è odio, non opinione.

Giovanni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...